22 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News GIALLOROSSE

LEGA PRO SECONDA DIVISIONE: in vista di Bra-Mantova

27-09-2013 13:04 - News GIALLOROSSE
Stemma del Mantova
La quinta giornata di andata della Lega Pro Seconda Divisione, si giocherà domenica 29 settembre alle ore 15 allo stadio "Fratelli Paschiero" di Cuneo (corso Monviso, n°21).
I giallorossi dei mister Fabrizio Daidola e Maurizio Calamita arrivano dalla sconfitta di domenica 22 settembre al "Nanni", per 2-0, contro il Bellaria Igea Marina.
Prossimo avversario, i lombardi del Mantova.
Il gioco del calcio approdò in riva al Mincio per merito di due pionieri: Ardiccio Modena e Guglielmo Reggiani.
Il primo, di ritorno da Liverpool dove aveva vissuto per qualche tempo, contagiò l´amico: assieme comprarono un pallone e fondarono, nel lontano 1906, il Mantua Football Club.
La società, che giocava in piazza Virgiliana, ebbe vita breve (sparisce l´anno dopo) ma viene ricordata per essere stata la prima in provincia di Mantova.
L´esperienza non fu persa: Modena fondò la Vis et Virtus e Reggiani, per non essere da meno, il Gruppo del Calcio.
Si procedette su binari separati fino al 1911, quando le due entità si fondarono dando vita all´Associazione Mantovana del Calcio (A.M.C.).
Era stato costruito nel frattempo il primo vero campo da calcio, all´Ippodromo del Te. Fu così che la Mantovana partecipò al suo primo vero campionato nel 1914-15, categoria promozione.
Durante la prima guerra mondiale l´A.M.C. aveva deciso di cambiare nome, utilizzando il più comodo Associazione Calcio Mantova e organizzando amichevoli e partite con sempre maggior frequenza.
Dopo che erano già saltate tre trattative, date già per concluse, per la cessione della società prima all´imprenditore bresciano Livio Cavagna, poi al gruppo spagnolo Platinum e in seguito alla cordata di imprenditori padovani capitanata dall´ex presidente del Montichiari, Francesco De Pasquale, viene infine annunciata la vendita del 50% della società ad un gruppo bergamasco capitanato da Enzo Passera e Bruno Bianco.
Dopo settimane di trattative e di silenzi alla fine il 7 settembre i bergamaschi si ritirano lasciando la proprietà al gruppo Bompieri. Dopo una campagna acquisti e una preparazione iniziata con ragguardevole ritardo viene riconfermato sulla panchina Sauro Frutti che il 27 dicembre 2012 viene esonerato, sostituito da Giuseppe Brucato.
La squadra termina il campionato a metà classifica ma in società si cercano soci per continuare a dare vita al progetto. Dopo alcuni contatti con diverse cordate, finalmente il 29 aprile, l´imprenditore veronese ed ex presidente della Sambonifacese, Michele Lodi firma per l´acquisto del 70% delle quote societarie e diventa il maggior azionista della società, nonché presidente.
La divisa del Mantova Calcio ha una storia particolare. Originariamente la maglia e i calzettoni furono azzurri accompagnati da pantaloncini bianchi. Questa fu la divisa e i colori sociali dal Mantova fino al 1956. Nel corso di questi decenni una breve parentesi va fatta anche per la divisa a scacchi comparsa sulle maglie del mantovane in alcuni campionati degli anni venti.
Con la sponsorizzazione del Mantova da parte della raffineria di petrolio OZO (1956), la divisa e i colori sociali della squadra mutarono radicalmente. Si passò infatti dall´azzurro, al bianco e rosso (colori sociali della raffineria) e la divisa venne ridisegnata con un´inusuale banda rossa su petto bianco.
Fu la prima divisa italiana a presentare quello stile. Questa tipologia restò sulle maglie bianco rosse fino alla fine degli anni sessanta quando la squadra andò incontro ad una crisi di risultati in campionato. Da allora la divisa venne ridipinta con maglia rossa e pantaloncini bianchi. La divisa bianco-bandata ricomparve sulle maglie biancorosse solo occasionalmente in alcuni anni novanta, per poi essere resa la divisa ufficiale dell´ACM targata Fabrizio Lori.
Piccola parentesi va fatta per la maglia giallo-verde: essa non ricopre nessun colore sociale particolare del Mantova o di Mantova, ma è stata semplicemente un omaggio al Piccolo Brasile, ovvero il soprannome della squadra durante i suoi anni d´oro (1956-1961 scalata dalla D alla A).
I biancorossi bandati di mister Antonio Sala sono reduci dal pareggio esterno per 2-2 contro il Forlì al "Morgagni".
In gol, per il Mantova, De Rispinis e Floriano.
Mantova 2 punti, Bra 1 punto in classifica.
Arbitro dell´incontro: Cangiano di Napoli, con gli assistenti Ceravolo e Zinzi di Catanzaro.
In occasione del match, la società rende noto a tutti i tifosi che è attiva la prevendita on-line sul sito Bookingshow.
Domenica alle ore 13,15 dal Movicentro di Bra, partirà il bus-navetta (54 posti, costo 2 euro) che porterà i sostenitori giallorossi al "Paschiero".
Fabrizio Daidola: "Dobbiamo toglierci di dosso l´impaccio nell´affrontare gli avversari pensando al risultato. Domenica voglio vedere cattiveria, intensità, qualità così come le vedo durante gli allenamenti in settimana. Affrontiamo la partita con serenità a prescindere dal fatto che contro c´è il Mantova. Non mi interessa il risultato ma che i miei giochino 95 minuti con il piglio della squadra di Lega Pro. Ho fiducia in loro, si impegnano e si allenano bene con uno staff all´altezza. Martedì ci siamo confrontati, non dobbiamo mollare niente al di là delle dinamiche della partita. Assenti? Ferrario, Prizio e nuovamente Garino che non ha ancora risolto un problema alla schiena".
Vi aspettiamo numerosi a Cuneo per sostenere i colori giallorossi...FORZA BRA!
DL A.C. Bra S.r.l.
Prossimi impegni

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account